CNI > News > GIORNATA INTERNAZIONALE UNESCO DELLA LINGUA MADRE
GIORNATA INTERNAZIONALE UNESCO DELLA LINGUA MADRE
Martedì 21 Febbraio 2012 09:15

Il 21 febbraio, in occasione della Giornata Internazionale della Lingua Madre, la Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO ha partecipato  alla celebrazione organizzata dall'Ambasciata del Bangladesh nel Parco Rabin di Via Panama a Roma, presso il Monumento Internazionale alla Lingua Madre.


La Giornata della Lingua Madre è stata  istituita dall’UNESCO nel 1999 su proposta del Bangladesh, per ricordare la sollevazione avvenuta nel 1952, nell’allora Pakistan orientale, in difesa del bengalese, madre lingua di quella parte del paese, contro l’imposizione della lingua urdu.


Durante la celebrazione sono state  commemorate le vittime di quella rivolta, morte per difendere la loro lingua madre, e sono stai deposti fiori ai piedi del monumento. Giovani danzatrici bengalesi si sono esibite in danze tradizionali accompagnate da musiche del Bangladesh.
Il Segretario generale della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, Ambasciatore Savoia, ha rivolto un breve discorso ai presenti.


Sono inoltre intervenute tre scolaresche della rete delle Scuole associate all’UNESCO, provenienti dall’Istituto Tecnico agrario F.lli Agosti di Viterbo, dal III Circolo Didattico G. Ronconi e dall’Istituto superiore paritario Kennedy di Roma.
Gli alunni hanno contribuito all’evento con letture di brani e loro riflessioni sul significato della Giornata della Lingua Madre.

 

Messaggio del Direttore Generale dell’ UNESCO, Irina Bokova, in occasione della Giornata Internazionale della Lingua Madre, UNESCO, 21 febbraio 2012

 Nelson Mandela ha detto "parlare a qualcuno in una lingua che comprende consente di raggiungere il suo cervello. Parlargli nella sua lingua madre significa raggiungere il suo cuore". La lingua dei nostri pensieri e delle nostre emozioni è il nostro bene più prezioso. Il multilinguismo è nostro alleato per garantire un'istruzione di qualità per tutti, promuovere l'integrazione e combattere la discriminazione. La costruzione di un dialogo autentico presuppone  rispetto per le lingue. Ogni aspirazione ad una vita migliore, ogni aspirazione allo sviluppo si esprime in una lingua,  con parole precise per farla vivere e trasmetterla. Le lingue sono ciò che noi siamo, proteggerle significa proteggere noi stessi.

Sono 12 anni che l’UNESCO celebra la Giornata Internazionale della Lingua Madre e si adopera in favore della diversità linguistica. Questa 13a edizione è dedicata al multilinguismo per l'istruzione inclusiva. Gli studi dei ricercatori e l'impatto delle politiche a sostegno del multilinguismo  hanno dimostrato quello che le popolazioni intuitivamente già percepivano: la diversità linguistica accelera il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, in particolare gli obiettivi dell’Istruzione Per Tutti. L'uso della lingua madre nelle scuole rappresenta un potente strumento contro l'analfabetismo. La sfida, tuttavia, è assicurare che questa verità si traduca nei fatti. Le popolazioni autoctone sono spesso quelle la cui madrelingua viene ignorata dal sistema educativo.  Far sì che esse apprendano, sin  dalla più tenera età, nella loro lingua madre e in seguito in altre lingue (quella nazionale, quella ufficiale o un’altra),  vuol dire promuove l’uguaglianza e l’integrazione sociale.
L’UNESCO Mobile Learning Week ha dimostrato che l'uso delle nuove tecnologie  nell’educazione costituisce  una potenzialità per l'istruzione inclusiva. In combinazione con il multilinguismo, queste tecnologie moltiplicano la nostre capacità d'azione. Approfittiamone al massimo. La nostra generazione trae vantaggio dai nuovi mezzi di comunicazione e dal nuovo spazio comune mondiale reso disponibile da Internet: non può dunque accettare un impoverimento delle lingue.
La diversità linguistica è il nostro patrimonio comune, ed è fragile. Delle oltre 6.000 lingue parlate in tutto il mondo, quasi la metà rischia di scomparire entro la fine del secolo. L'Atlante UNESCO delle lingue in pericolo nel mondo fornisce una mappa per comprendere questa lotta. La scomparsa di una lingua  costituisce un impoverimento per l'intera umanità, un passo indietro nella difesa del diritto di ciascuno ad essere ascoltato, ad apprendere e a comunicare. Ogni lingua è portatrice di un patrimonio culturale che accresce la nostra diversità creativa. Questa diversità culturale è tanto importante quanto la  biodiversità lo è in natura, ed esse sono strettamente collegate. Le lingue di alcune popolazioni indigene sono portatrici di conoscenze uniche  sulla biodiversità e sulla gestione degli ecosistemi. Questo potenziale linguistico è un motore di sviluppo sostenibile che merita di essere condiviso; l’UNESCO porterà  questo messaggio anche alla Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile di Rio de Janeiro.
La vitalità delle lingue è affidata a  tutti coloro che le parlano e che si adoperano per proteggerle. L’UNESCO rende loro omaggio e veglia affinché le loro voci siano ascoltate nella formulazione delle politiche educative di sviluppo e di coesione sociale. Il multilinguismo è una risorsa viva - utilizziamola a vantaggio di tutti.

Share
 
Archivi
In Primo Piano
Settimana ESS 2014
L'anno internazionale della Chimica
Evento benefico di raccolta fondi
Your ad here