PARCO GEOMINERARIO DELLA SARDEGNA

Il Parco Geominerario UNESCO della Sardegna preserva una storia geologica che risale a più di 500 milioni di anni fa e testimonia una grande varietà di eventi che si sono sviluppati tra il Paleozoico e il Quaternario. La storia geologica della Sardegna è diversa da quella della penisola italiana ed ha generato depositi di minerali di diversi tipi e origini già conosciuti nei millenni, di cui sono testimonianza le numerose miniere archeologiche.Grazie al clima e alla posizione geografica, nell’area ci sono diversi ambienti e paesaggi caratterizzati da vegetazione mediterranea e da una fauna ricca di specie endemiche.

Il Parco Geominerario della Sardegna, che si estende in tutta l’isola e copre 377 Comuni, con oltre 1 milione e seicentomila abitanti, veicola i valori e gli strumenti per la protezione del patrimonio culturale, costituito dal contesto e dalle tecniche geologiche, dall’archeologia industriale, dalla documentazione del lavoro nelle miniere e dagli insediamenti, le tradizioni, le conoscenze e gli eventi legati all’attività mineraria. Il territorio può essere suddiviso in 8 grandi aree in base alle caratteristiche minerarie e alla storia, rappresentata da quasi 8 mila anni di sfruttamenti minerari. Il parco mira anche a conservare e rilanciare le realtà attuali dei vari territori, a promuovere il progresso economico, sociale e culturale delle comunità locali anche attraverso un turismo sostenibile e responsabile, grazie al quale alcuni siti hanno ricevuto il premio EDEN (European Destinations of Excellence) della Commissione Europea.

 

Per maggiori informazioni sul Geoparco è possibile consultare il sito dell'UNESCO.