“WOMEN SCIENTISTS AT THE FOREFRONT OF THE COVID19 RESEARCH” 11 FEBBRAIO 2021
“Women Scientists at the forefront of the Covid19 research” 11 febbraio 2021

 

L’UNESCO considera la parità di genere una priorità globale e si propone di sostenere le piene capacità del mondo femminile come mezzo per il raggiungimento dello sviluppo sostenibile e della pace a livello globale. L’11 febbraio 2021 UNESCO e UN-WOMAN hanno organizzato il webinar "Women Scientists at the forefront of the Covid19 research" per promuovere e celebrare la partecipazione paritaria delle donne e delle ragazze in ambito scientifico.

L'incontro, moderato dalla Direttrice Generale Aggiunta/ADG per le Scienze Naturali UNESCO Shamila Nair-Bedouelle e con la partecipazione di alcune scienziate che hanno lavorato in prima linea nella ricerca del COVID-19, è stato dedicato all'impatto del COVID-19 sulla ricerca e sulla carriera scientifica delle donne e delle ragazze. Tra le scienziate intervenute al webinar Jennifer Thomson, Presidente dell'Organizzazione per le Donne nella Scienza per i Paesi in Via di Sviluppo (OWSD), un programma dell’UNESCO con base a Trieste presso The World Academy of Sciences (TWAS), e vincitrice nel 2004 del premio L’Oréal-UNESCO For Women in .Science.

Nel suo messaggio di apertura Shamira Nair-Bedouelle ha ribadito il rilevante ruolo delle donne nella ricerca, nonostante oggi esse rappresentino solo il 33% degli scienziati nel mondo, e l'importanza di combattere le disuguaglianze di genere e gli stereotipi accentuati dalla crisi legata alla pandemia Covid.

L’incontro, che ha evidenziato alcune lacune nel sistema, tra cui la mancanza di ricerca specifica sul tema e di aiuti concreti per le donne e la loro crescita professionale, si è concluso con una riflessione sui risultati ancora insufficienti delle politiche di promozione della parità di genere e sulla necessità di un maggior coinvolgimento delle donne nella scienza.

Con l'occasione è stato diffuso un breve video per promuovere il Report "To be smart, the digital revolution will need to be inclusive : excerpt from the UNESCO science report", pubblicato lo scorso aprile per promuovere l'esigenza di una maggiore inclusione delle donne nel processo d'innovazione tecnologica.