"BASTA IMPUNITÀ" , SIRACUSA 3 NOVEMBRE 2021
"Basta impunità" , Siracusa 3 novembre 2021

 

In occasione della celebrazione della Giornata Internazionale per mettere fine alle impunità per i crimini contro i giornalisti, il 3 novembre scorso si è svolto l’evento più importante: una Tavola rotonda organizzata dall’Associazione “Ossigeno per l’Informazione” su mandato dell’UNESCO, presso il Siracusa International Institute for Criminal Justice and Human Rights.

Mettere fine alle impunità per i crimini contro i giornalisti è una delle questioni più pressanti per garantire la libertà di espressione e l’accesso all’informazione per tutti i cittadini. Tra il 2006 e il 2020 oltre 1200 giornalisti nel mondo sono stati uccisi e, secondo l’Osservatorio dell’UNESCO, circa 9 casi su 10 rimarranno irrisolti. Per questo nel 2013, con una Risoluzione dell’Assemblea generale, le Nazioni Unite hanno spinto gli Stati membri ad attuare delle misure precise in grado di rispondere alla cultura della impunità ed hanno istituito la Giornata Internazionale il 2 novembre per ricordare l’omicidio di due giornalisti francesi avvenuto quel giorno in Mali nel 2013.

In occasione della Giornata Internazionale la Direttrice Generale dell’UNESCO ha ricordato che "I giornalisti sono essenziali per salvaguardare il diritto fondamentale della libertà di espressione, contenuto nell’art. 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Quando gli attacchi contro i giornalisti rimangono impuniti, il sistema legale e le strutture della sicurezza hanno fallito.”

 

Quest’anno la giornata è stata dedicate al ruolo della Procura nelle indagini e nei procedimenti non solo per gli omicidi ma anche per le minacce di violenza contro i giornalisti.

L’incontro di Siracusa ha rappresentato la piattaforma di dialogo fra i Procuratori ed i giornalisti sulle tematiche più sensibili ed ha fornito l’occasione per presentare analisi, idee e proposte sulla possibilità di indagare più sistematicamente sulle intimidazioni, le minacce, e le ritorsioni contro i giornalisti, tenendo conto del fatto che agli aggressori vengono contestati reati compiuti allo scopo di impedire l’esercizio del diritto di informare e di essere informati.

In occasione della Tavola rotonda di Siracusa, l’UNESCO ha presentato l’edizione italiana del manuale pubblicato nel 2020 e intitolato “Linee guida per i procuratori nei processi per reati contro i giornalisti”.