TORINO DESIGN OF THE CITY, 10-16 OTTOBRE 2017

 

 

 

Si sta svolgendo in questi giorni a Torino un’importante manifestazione, “Torino Design of the City”, organizzata in occasione della assemblea generale della World Design Organization e dedicata ad un tema innovativo e decisamente stimolante: l’alleanza con il design per ripensare in modo radicale i servizi che la città intende offrire.

Il Design, infatti, visto come metodologia di lavoro capace di dare forma anche alle esigenze inespresse e latenti, può essere applicato all’intero processo di produzione dei servizi (prassi dell’amministrazione- analisi della domanda- sperimentazioni- progettualità del servizio-design dei singoli prodotti) e rappresenta un fattore strategico sia per lo sviluppo delle politiche urbane che per la creazione di nuove opportunità di crescita economica e culturale.

L’incontro “DESIGN FOR THE CITY: DESIGN FOR CITIZENS”, in programma oggi, ha come tema il percorso che ha portato ad avvicinare il Design alla Città, un percorso di cui Torino è protagonista in quanto prima World Design Capital nel 2008 e Città Creativa UNESCO nel 2014. Il punto di partenza di questo avvicinamento è la consapevolezza che il design fa parte, con un trend in crescita, della molteplicità di attori e competenze che partecipano ai progetti, di diversa scala e natura, che compongono la città contemporanea.

All’incontro ha partecipato anche il Presidente della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO Franco Bernabè. Nel suo intervento il Presidente ha ricordato l’importanza delle Città Creative dell’UNESCO nel processo di trasformazione delle città, trattandosi di un programma che offre alle città sia l’approccio metodologico per valutare i problemi e definire le soluzioni, sia il vantaggio di far parte di un network mondiale per scambiare esperienze e best practice. In Italia quest’anno sono ben 6 le città candidate come Città Creative, ma per consolidare e accrescere il legame tra creatività e sviluppo urbano sostenibile è necessario stimolare il potenziamento di un tessuto imprenditoriale solido e disposto ad assumersi dei rischi e creare ambienti urbani culturalmente vivaci e dotati di infrastrutture adeguate.