FIRST MEETING OF THE EXPERT GROUP ON OCEAN LITERACY AND MULTI-STAKEHOLDER PROCESSES FOR OCEAN GOVERNANCE FOR A SUSTAINABLE BLUE PLANET. PARIGI, NOVEMBRE 2018.

 

Avete mai sentito parlare dell’“Ocean Literacy”? L’alfabetizzazione all’oceano: cosa significa?

Si tratta di un concetto, un approccio nato più di venti anni fa come strumento educativo per gli studenti in molti paesi del mondo per renderli consapevoli sia dell’influenza reciproca tra l’oceano e gli uomini che dell’importanza rivestita dall’oceano e dalle risorse marine per la società e l’economia.
In vista del “Decennio delle scienze oceaniche per lo sviluppo sostenibile” proclamato dalle Nazioni Unite per il 2021-2030, l’UNESCO ha lanciato l’“Ocean Literacy for All Strategy”, destinata a sensibilizzare l’intera società civile verso la sostenibilità dell’oceano e l’obiettivo n.4 dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile: la vita sottomarina.
In tale ambito la Commissione Oceanografica Intergovernativa dell’UNESCO recentemente ha organizzato un incontro per riunire gli esperti in Ocean Literacy e individuare i processi di governance dell’oceano per un pianeta più sostenibile.
Dall’incontro è emersa la necessità di fornire agli attori sociali gli strumenti per adottare decisioni concrete e per realizzarle, attraverso l’utilizzo di risorse e dati online e la partecipazione a piattaforme digitali. 
La Call to Action chiama tutta la società civile, scienziati, educatori, comunicatori, imprenditori, ad un impegno effettivo per mantenere in salute l’oceano, offrendo loro anche la possibilità di partecipare alla discussione e condividere le proprie idee, esperienze e strumenti.

Per avere maggiori informazioni potete leggere il documento integrale.