INTERVENTO DEL PRESIDENTE DELLA CNIU AL FORUM CULTURALE ITALIA-CINA. ROMA, 22 MARZO 2019

 

“Italia e Cina sono accomunate da una civiltà millenaria e da un patrimonio di beni artistici unico al mondo”.

Con questa parole il Presidente della CNIU Franco Bernabè ha introdotto le sue riflessioni nel discorso di intervento al Forum Culturale italo-cinese che si è tenuto nei giorni scorsi a Roma in occasione della visita di Stato del Presidente cinese Xi Jinping.

Con riferimento ai Memorandum d’intesa che sono stati sottoscritti dai due paesi, sul contrasto al traffico illecito di beni culturali e sui gemellaggi tra due siti italiani e due siti cinesi iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale, Bernabè ha manifestato la propria soddisfazione: “La collaborazione tra le istituzioni culturali dei due paesi rappresenta una straordinaria opportunità di scambio di esperienze e di buone pratiche e porterà benefici a entrambi i paesi”. Esprimendo apprezzamento per le iniziative, Bernabè ha ricordato l’esperienza del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, che verrà messa a disposizione del progetto per contrastare i traffici illeciti di opere d’arte, ed ha evidenziato le potenzialità del progetto di gemellaggio dei siti UNESCO dei due paesi, tra le quali in primo luogo il rafforzamento delle relazioni di amicizia, sociali, turistico-commerciali, scientifiche e commerciali tra l’Italia e la Cina. Bernabè ha anche sottolineato la possibilità di instaurare un confronto tra i due paesi su tematiche di grande attualità che riguardano i siti del Patrimonio Mondiale, quali la gestione dei flussi turistici, i rischi derivanti dai cambiamenti climatici, il dialogo interculturale, l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile.

L’auspicio, dunque, è che altri gemellaggi seguano quello dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato con i Terrazzamenti del Riso di Honghe Hani dello Yunnan e quello della Città di Verona con il Paesaggio Culturale del Lago Occidentale della Città di Hangzhou.