XIII CONFERENZA ANNUALE DELLA RETE DELLE CITTÀ CREATIVE DELL’UNESCO. FABRIANO,12 GIUGNO 2019

 

Il Presidente della Commissione Nazionale, Franco Bernabè, ha partecipato il 12 giugno 2019 all’apertura dei lavori della XIII Conferenza annuale della rete delle Città Creative dell’UNESCO, al cospetto del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dei rappresentanti delle più alte istituzioni, italiane e internazionali.

Il Capo dello Stato nel suo discorso di aperura ha sottolineato il convinto sostegno dell'Italia all'UNESCO, che svolge un ruolo nevralgico nel promuovere il dialogo e lo scambio interculturale, strumenti di mutuo arricchimento della comunità internazionale. Mattarella ha anche evidenziato la centralità della cultura per il perseguimento degli obiettivi dell agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile.

 

 

Nel suo intervento Bernabè ha ricordato come i settori dell’educazione, la scienza e la cultura, di cui l’UNESCO è istituzionalmente referente, siano strumenti irrinunciabili per il mantenimento della pace e il rispetto dei diritti umani. Per raggiungere questi risultati è necessario il coinvolgimento della società civile e le molteplici iniziative dell’UNESCO, grazie al sostegno delle Commissioni Nazionali dei paesi membri, sono strettamente legate alla dimensione locale e caratterizzate da un forte coinvolgimento di differenti attori all’interno dei paesi.
Bernabè ha descritto la generale crescente importanza e popolarità delle iniziative e dei programmi dell’UNESCO e l’interesse a parteciparvi da parte di autorità pubbliche, mondo dell’associazionismo, fondazioni, università, scuole. Ha poi riferito con soddisfazione sui risultati raggiunti nel nostro paese, dove le domande di adesione alle iniziative dell’UNESCO stanno crescendo anche per i programmi meno conosciuti, tanto che nel triennio 2016-2018 l’Italia ha visto il successo di 22 candidature e nel primo semestre del 2019 la presentazione di 17 nuove candidature, tra le quali 4 come Città Creative.
L’Italia ha ospitato il primo incontro mondiale delle Riserve della Biosfera dedicato ai giovani nel 2017 a Ferrara e l’incontro mondiale dei Geoparchi nel 2018 a Madonna di Campiglio. Con la Conferenza annuale delle Città Creative di Fabriano il nostro paese si conferma un fondamentale crocevia dei programmi UNESCO a livello globale.
Con riferimento al tema della Conferenza “Pensare la città ideale”, Bernabè ha evidenziato come l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile abbia come luogo privilegiato di attuazione proprio le città, in cui l’intreccio tra dimensione economica, sociale e ambientale è particolarmente stretto. I nuovi modelli urbani, fondati su ricerca e innovazione tecnologica, sono destinati a cambiare le modalità e la qualità di vita, rendendole più sostenibili, resilienti e inclusive. La Conferenza rappresenta una grande opportunità di riflessione e confronto anche sulle industrie creative, che rivestono un ruolo sempre più importante creando occupazione, stimolando l’immaginazione e diffondendo cultura.