"UN MONDO DIFFERENTE? LE DONNE PRENDANO LA PAROLA" COURIER UNESCO

 

Meno disuguale? Più rispettoso del pianeta? Dominato dalle nuove tecnologie? Il mondo che emerge dalla crisi sanitaria porterà lo stigma di questa esperienza collettiva senza precedenti che è stato il confinamento quasi generalizzato imposto per arginare la pandemia di COVID-19. Ma sarà davvero diverso? E in che modo?

Molto è già stato detto. Gli specialisti si sono alternati nei media per mesi per alimentare la riflessione. La grande maggioranza di loro ha in comune di essere uomini.

E le donne? Che si tratti di infermiere, operatrici sanitarie o insegnanti, le donne sono state in prima linea nella lotta contro la pandemia. Colpite duramente dalla crisi sociale, alcune sottoposte a violenza domestica amplificata dal confinamento, sono state poco ascoltate. Il corriere dell'UNESCO dà loro la parola per pensare al mondo all’indomani della pandemia.