"TRANSFORMING MENTALITIES. ENGAGING MEN AND BOYS TO ADDRESS THE ROOT CAUSES OF VIOLENCE AGAINST WOMEN" 25 NOVEMBRE 2020
"Transforming mentalities. Engaging men and boys to address the root causes of violence against women" 25 novembre 2020

 

Nel quadro degli eventi organizzati dall’UNESCO per celebrare la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne, si è tenuta il 25 novembre una Tavola Rotonda online dal titolo"Transforming mentalities. Engaging men and boys to address the root causes of violence against women" che ha visto quali principali destinatari uomini e ragazzi.

L’evento è stato aperto dalla Direttrice Generale Audrey Azoulay, la quale ha ricordato come la violenza di genere, fisica e psicologica, sia un fenomeno ancora molto diffuso nel mondo, acuito dall’emergenza sanitaria e dai nuovi strumenti digitali.

La lotta alla violenza di genere è uno degli elementi chiave per il raggiungimento dell’uguaglianza di genere a cui si riferisce l’ Obiettivo nr. 5 della Agenda ONU 2030 per lo Sviluppo Sostenibile che mira anche a favorire maggiore forza, autostima e consapevolezza in tutte le donne e le ragazze".

Il raggiungimento dell’uguaglianza di genere è un tema prioritario nelle iniziative dell’UNESCO, soprattutto attraverso i settori dell’educazione, della comunicazione e dell’informazione, così come dimostrato in occasione della partecipazione della Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, alla conferenza virtuale "Taking action to end domestic violence during pandemics" del maggio scorso.

La Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne istituita dall’ONU nel 1999 in onore delle tre sorelle domenicane Mirabal brutalmente assassinate dal dittatore Trujillo nel 1960, ha segnato come di consueto l’inizio della campagna "16 giorni di attivismo contro la violenza di genere" che si concluderà il 10 dicembre in occasione della Giornata Internazionale dei Diritti Umani.