PERDONANZA CELESTINIANA

 

Iscritta alla Lista del Patrimonio Immateriale dal 2019, la celebrazione della Perdonanza Celestiniana è viva testimonianza di una tradizione che giunge a noi direttamente dal medioevo. Comprende riti e celebrazioni che si tramandano ininterrottamente dal 1294 e che forniscono un senso di continuità e di identità culturale all’intera comunità della città e della provincia dell’Aquila

La tradizione fu ispirata da Papa Celestino V, che nel 1294 emanò una storica Bolla pontificia con la quale concesse l'indulgenza plenaria a chiunque, confessato e pentito, si fosse recato nella Basilica di Santa Maria di Collemaggio tra i vespri del 28 agosto e i vespri del 29 agosto di ogni anno attraversando la porta santa appositamente aperta.

La celebrazione della Perdonanza è scandita da momenti ben precisi che si svolgono nell’arco di due settimane e iniziano il 16 agosto con il “Cammino del perdono”, che attraversa ventitré villaggi lungo un itinerario di 80 km e termina il 23 agosto all’Aquila, dove inizia una serie di eventi culturali e rievocazioni fino al 28 agosto, giorno in cui si svolge il “Corteo della Bolla”, dal centro storico alla Basilica di Collemaggio. La parata storica coinvolge tutta la comunità ed ha come protagonisti principali la Dama della Bolla, il Giovin Signore e la Dama della Croce, i personaggi che simboleggiano i tre valori tradizionali che ispirano la cerimonia: l'ospitalità, la solidarietà e la pace.

 

Per ulteriori approfondimenti è possibile visitare il sito del Patrimonio Immateriale dell'UNESCO.