“IL G20 CULTURA DOVRÀ DIVENTARE UN APPUNTAMENTO FISSO”: COSÌ IL MINISTRO DARIO FRANCESCHINI ALLA VIGILIA DELLA RIUNIONE MINISTERIALE IN AGENDA IL 29 E IL 30 LUGLIO A ROMA
“Il G20 Cultura dovrà diventare un appuntamento fisso”: così il Ministro Dario Franceschini alla vigilia della Riunione Ministeriale in agenda il 29 e il 30 luglio a Roma

“La cultura unisce il mondo”: questo il motto della due giorni del primo G20 Cultura. I lavori si apriranno alle 19 del 29 luglio nella suggestiva Arena del Colosseo, alla presenza del Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi, del Ministro della Cultura Dario Franceschini, della Direttrice Generale dell’UNESCO, Andrey Azuoulay e del Direttore del Museo Egizio di Torino, Christian Greco.

 

La cerimonia si potrà seguire cliccando qui

 

Alle 20:40 sarà poi possibile seguire in diretta su RaiUno, dal Palazzo del Quirinale, il concerto dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, diretta dal Maestro Riccardo Muti.

 

La Ministeriale Cultura, la prima in assoluto dalla nascita del G20, proseguirà il giorno dopo a Palazzo Barberini. “La diplomazia culturale è una risorsa strategica nelle mani del nostro Paese ed è anche un segnale di ripartenza”, ha sostenuto il Ministro Franceschini in una recente intervista.

 

Temi centrali saranno il sostegno e la tutela dei lavoratori della cultura dopo la pandemia, la protezione del patrimonio culturale dalle calamità naturali, dalle crisi e dal traffico illecito, inclusi i Caschi Blu della Cultura Italia-UNESCO: “c’è una maggiore consapevolezza che sul patrimonio dell’umanità è la comunità internazionale che deve avere gli strumenti giusti per intervenire. L’obiettivo ora è la creazione di una unità di intervento permanente che possa agire sotto l’egida dell’UNESCO, come quella nostra composta dagli esperti dei Carabinieri del patrimonio culturale. Mi spiego: l’aumento dei siti riconosciuti è bellissimo, ma bisogna lavorare a livello comunitario anche sul fronte della tutela con una task force all’altezza”, ha continuato il Ministro.

 

Altri temi che saranno trattati sono la formazione culturale quale investimento nel capitale umano e il contributo alla crescita delle industrie culturali e ricreative, con particolare riferimento al digitale.

 

“Credo che il G20 Cultura sia una straordinaria opportunità non solo per l’Italia ma per l’agenda stessa del G20. A questo proposito, intendiamo lavorare per la stabilizzazione del G20 Cultura come una delle riunioni preparatorie di ogni summit tra Capi di Stato e di Governo”, ha affermato Franceschini in conferenza stampa, sottolineando che questo meeting è “il riconoscimento del valore della cultura come elemento di connessione tra i popoli e volano dello sviluppo economico”.

 

Fonti: Ministero della Cultura, il Messaggero