“IL PREMIO DIRAC AD ALESSANDRA BUONANNO, RICERCATRICE SPECIALIZZATA NELLO STUDIO DELLE ONDE GRAVITAZIONALI, DÀ LUSTRO ALL’ITALIA”: LA SODDISFAZIONE DEL PREMIER DRAGHI ALL’ANNUNCIO DEL 9 AGOSTO 2021
“Il Premio Dirac ad Alessandra Buonanno, ricercatrice specializzata nello studio delle onde gravitazionali, dà lustro all’Italia”: la soddisfazione del Premier Draghi all’annuncio del 9 agosto 2021

 

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha appreso con grande soddisfazione la notizia dell'assegnazione della medaglia Dirac per la prima volta a una ricercatrice italiana. "Congratulazioni ad Alessandra Buonanno, insignita con uno dei più prestigiosi premi scientifici internazionali per le sue ricerche sulle onde gravitazionali. Un importante riconoscimento che dà lustro al nostro Paese nell'ambito della ricerca scientifica", ha dichiarato il premier.

 

Il riconoscimento alla Buonanno, Direttrice del Dipartimento di Relatività astrofisica e cosmologica dell'Istituto Max Planck per la Fisica gravitazionale di Potsdam, è stato assegnato dall'Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics (ICTP), prestigioso istituto di ricerca dell’UNESCO basato a Trieste. 

 

Alla Ricercatrice sono arrivate anche le congratulazioni del Ministro degli Esteri Luigi Di Maio. “L'Italia si conferma un punto di riferimento per la ricerca scientifica internazionale", ha dichiarato il Ministro in un tweet.

 

Secondo la Ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa “il prezioso lavoro della Buonanno sarà di sicura ispirazione anche per le giovani ragazze che hanno deciso e decideranno di intraprendere percorsi di studio STEM", ovvero scientifici e tecnologici.

 

Ad oggi la presenza femminile nelle facoltà scientifiche italiane è ferma al 37%. L’accesso allo studio delle materie STEM da parte delle studentesse è da anni all’attenzione dell’UNESCO per l’implementazione di strategie che incoraggino le ragazze e le giovani donne a intraprendere studi e carriere in questo settore. 

 

Una delle iniziative più significative riguarda il partenariato tra l’UNESCO e la Fondazione l’Oreal “For women in science” per la concessione di borse di studio a giovani ricercatrici nei settori scientifici che negli anni ha portato alla concessione di 3600 borse di studio a ricercatrici di 110 paesi (94 in Italia).

 

 

I dati dell’ultimo rapporto UNESCO sulla scienza indicano che nel mondo le donne sono presenti solo per il 33% nel settore della ricerca, solo al 28% nelle lauree di ingegneria e appena al 22% in quello dell’intelligenza artificiale.

 

 

 

FOTO: UNESCO

 

 

11 agosto 2021