"CREATIVITY FORUM. CARRARA FOR THE UNESCO CREATIVE CITIES", 25 SETTEMBRE 2021
"CREATIVITY FORUM. Carrara for the UNESCO Creative Cities", 25 settembre 2021

In occasione del "CREATIVITY FORUM. Carrara for the UNESCO Creative Cities" che si è svolto a Carrara dal 24 al 26 settembre 2021, il Segretario Generale della Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO ha partecipato alla sessione istituzionale. Nel suo intervento ha riflettuto su alcune importanti tematiche che il Forum si proponeva di affrontare: le figure dell’artista e dell’artigiano e la rigenerazione urbana.

Si tratta di settori a cui l’Unesco rivolge grande attenzione e che sono oggetto di alcune importanti Convenzioni. In particolare l’artigianato, che insieme all’arte popolare rappresenta uno dei settori delle Città Creative Unesco, riveste anche una funzione sociale e culturale che si riflette all’interno della Convenzione del 2003 sulla salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale, attenta soprattutto alla tutela delle conoscenze e delle capacità più che ai manufatti in sé stessi.

L’attenzione verso gli artisti ed il loro ruolo sociale è riflessa nella Convenzione Unesco del 2005 sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali, primo strumento normativo di diritto internazionale che integra la cultura al suo interno per fornire un riconoscimento alla natura specifica dei beni e servizi culturali e promuovere una governance sostenibile della cultura all’interno dei singoli Paesi.

Inoltre, nel suo intervento, il Segretario Generale ha evidenziato la centralità della rigenerazione urbana nella fase di ripartenza che l’Italia sta vivendo. Numerosi strumenti internazionali sono rivolti a questa tematica, tra i quali l’obiettivo 11 dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile dedicato a città inclusive e resilienti, la New Urban Agenda, il rapporto Unesco sulla Cultura per uno sviluppo urbano sostenibile (Global report on culture for sustainable urban development). L’Unesco promuove anche diverse reti cittadine, rete delle Città Creative, rete delle Learning Cities e della International Coalition of Inclusive and Sustainable Cities, e incoraggia scambi e collaborazioni sulle politiche e le pratiche che possano rispondere alle crescenti esigenze dei residenti urbani. Nell’ambito del Patrimonio Mondiale, l’UNESCO Cities Programme e la Raccomandazione sul paesaggio urbano storico contribuiscono ad integrare la conservazione del patrimonio urbano nelle strategie di sviluppo socioeconomico

 

 

3o settembre 2021