LA GIORNATA MONDIALE DELLA LOTTA ALL’AIDS: UNA RICORRENZA ANCORA NECESSARIA (1 DICEMBRE 2021)
La Giornata Mondiale della lotta all’AIDS: una ricorrenza ancora necessaria (1 dicembre 2021)

 

 

Oggi, primo dicembre, come ogni anno dal 1988, si celebra la Giornata Mondiale della lotta all’AIDS.

 

Nonostante siano stati fatti notevoli progressi nel debellare l’AIDS come minaccia alla salute della popolazione mondiale, l’epidemia è tuttora diffusa. Nel 2020, secondo un rapporto di UNAIDS, il Programma delle Nazioni Unite per l’HIV e l’AIDS, le incrementate capacità di testare l’HIV/AIDS hanno fatto emergere che nel mondo 37.7 milioni di persone sono risultate infette da HIV, di cui 27.4 milioni risultavano essere in cura, mentre 680.000 sono stati i decessi.

 

La conoscenza della trasmissione del virus tra i soggetti più giovani è ancora troppo scarsa. Un dato recente rivela infatti che nel 2020 410.000 giovani di età compresa tra i 10 e i 24 anni hanno contratto il virus. Avere una buona educazione sessuale è essenziale non solo per potersi proteggere al meglio dall’infezione, ma anche dalle malattie sessualmente trasmissibili e per prevenire eventuali gravidanze indesiderate. Per questo il Programma delle NU incoraggia l’accesso all’educazione, soprattutto delle donne. Queste, insieme ai bambini, sono i soggetti più colpiti nell’Africa Subsahariana, dove si registrano i due terzi delle infezioni totali da HIV, proprio a causa della diffusa violenza di genere, dello sfruttamento sessuale, delle pratiche dannose, dell’impossibilità ad accedere a una completa educazione sessuale e del mancato o negato accesso alle informazioni e ai servizi necessari per la salute, soprattutto quella sessuale e riproduttiva.

 

Il lavoro relativo all’educazione e alla conoscenza del virus dell’HIV che l’UNESCO, partner di UNAIDS, conduce, è focalizzato sul favorire la capacità di un Paese di fornire risposte educative efficienti e sostenibili contro l’HIV, di rafforzare la comprensione nei confronti del virus e l’educazione sessuale, promuovere la parità di genere e proteggere i diritti umani. Nello specifico, l’UNESCO elabora strategie che mirano a incrementare l’accesso a un’educazione sessuale di qualità, sicura e inclusiva. Inoltre supporta le autorità educative nazionali e i partner al fine di fortificare la loro azione per adattarla ai contesti locali.

 

L’UNAIDS fornisce la direzione strategica, la difesa, il coordinamento e il supporto tecnico necessari per catalizzare e collegare la leadership dei governi, del settore privato e delle comunità, oltre che per assicurare servizi salvavita contro l'HIV. Produce, inoltre, informazioni e analisi strategiche per aumentare la comprensione dello stato dell'epidemia e dei progressi compiuti a livello locale, regionale, nazionale e globale. Gestisce la più vasta raccolta di dati al mondo sull'epidemiologia da HIV, sui programmi che porta avanti e sui finanziamenti, pubblicando anche le informazioni più autorevoli e aggiornate sull’epidemia, vitali per una risposta efficace all'AIDS.

 

Nella odierna Giornata Mondiale della lotta all’AIDS l’UNAIDS, che è alla guida dello sforzo globale per porre fine entro il 2030 all'epidemia in quanto minaccia per la salute pubblica, come parte degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, sottolinea l’urgente bisogno di eliminare tutte le disuguaglianze che permettono all’AIDS e ad altre patologie di dilagare, poiché senza un’azione congiunta il mondo rischia di non raggiungere in tempo l’obiettivo fissato.

 

 

 

 

 

1 dicembre 2021