LE COMMISSIONI NAZIONALI PER L’UNESCO IN EUROPA (E NON SOLO) CONDANNANO L’ATTACCO ALL’UCRAINA (25 FEBBRAIO 2022)
Le Commissioni Nazionali per l’UNESCO in Europa (e non solo) condannano l’attacco all’Ucraina  (25 febbraio 2022)

Gli eventi recenti segnano uno spartiacque per l’Ucraina, l’Europa e il mondo intero.

 

Le Commissioni Nazionali per l’UNESCO in Europa (e non solo) condannano con forza l’attacco all’Ucraina da parte della Federazione Russa. Esprimiamo la nostra solidarietà al popolo dell’Ucraina, che comprende i giornalisti che coprono la zona del conflitto, gli insegnanti, gli educatori, gli studenti e gli allievi che hanno il diritto di essere istruiti in pace. Sosteniamo pienamente i nostri partner che promuovono gli obiettivi e i valori dell’UNESCO in Ucraina e non solo.

 

Il 24 febbraio l’UNESCO ha chiesto il rispetto del Diritto Internazionale Umanitario. In particolare, ha chiesto la conservazione della libertà di informazione, la protezione dei professionisti dei mezzi di comunicazione e il rispetto della Convenzione dell’Aja per la Protezione dei Beni Culturali in caso di Conflitto Armato. Un totale di 7 siti del Patrimonio Mondiale UNESCO si trova in Ucraina. In seguito alla recente escalation di violenza, il Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha chiesto al Presidente Russo di ritirare le sue truppe dall’Ucraina.

 

 

Le Commissioni Nazionali per l’UNESCO di:

Albania, Andorra, Austria, Belgio (Fiandre), Bulgaria, Canada, Croazia, Estonia, Isole Faroe, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Svezia, Svizzera, Turchia, Regno Unito.

 

 

28 febbraio 2022