FESTIVAL DELLA LETTERATURA DI VIAGGIO: ASSEGNATO ALLA CNIU IL PREMIO NAVICELLA D’ORO
FESTIVAL DELLA LETTERATURA DI VIAGGIO: ASSEGNATO ALLA CNIU IL PREMIO NAVICELLA D’ORO

 

Si è aperta oggi a Roma la Tredicesima edizione del Festival della letteratura di viaggio: un racconto del mondo esplorato attraverso luoghi, culture, scritture e rappresentazioni. Il progetto è stato promosso per la prima volta nel 2008 dalla Società Geografica Italiana onlus e organizzato dall’Associazione Cultura del Viaggio.

 

Gli organizzatori Claudio Cerreti e Claudio Bocci hanno consegnato oggi alla Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, rappresentata da Maria Mazza, il premio Navicella d’Oro. La Mazza, dopo aver ringraziato a nome del Presidente Franco Bernabè e del Segretario Generale Enrico Vicenti, ha posto l’accento sull’importanza del premio nell’anno in cui l’UNESCO celebra i 50 anni della Convenzione sulla Protezione del Patrimonio Mondiale culturale e naturale, invitando a riflettere sul percorso intrapreso dall’Organizzazione e sulle numerose sfide che intende affrontare: la crisi climatica, il turismo sostenibile, l’urbanizzazione del paesaggio storico delle città, la trasformazione digitale, la diversificazione dei siti nella Lista del Patrimonio Mondiale in connessione con la varietà culturale e naturale presente nel pianeta.

 

L’Italia è uno dei Paesi più importanti in ambito culturale, detenendo il primato numerico dei siti Patrimonio Mondiale UNESCO ed essendo stata di nuovo inserita nell’Organo di Governo della Convenzione del 1972.

 

L’anniversario della Convenzione sarà celebrato alla fine di ottobre con una mostra fotografica che illustrerà il patrimonio materiale e immateriale UNESCO dei Paesi da cui provengono le maggiori comunità di stranieri residenti in Italia.

 

Il Festival della letteratura di viaggio è stato anche l’occasione per presentare un evento dedicato al Patrimonio Culturale Immateriale: la mostra fotografica ‘Reportage di un Patrimonio UNESCO’, sui trasporti delle Macchine a spalla italiane (di Nola, Sassari, Palmi e Viterbo), che fanno parte della Rete delle Grandi Macchine a spalla, iscritta nel 2013. La mostra è stata realizzata al termine di un percorso di formazione a cura di ‘Cultura del Viaggio’.

 

 

 

 

Immagine: a cura degli organizzatori

29 settembre 2022