LA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DEL PATRIMONIO MONDIALE CULTURALE E NATURALE COMPIE 50 ANNI!
La Convenzione per la Protezione del Patrimonio Mondiale Culturale e Naturale compie 50 anni!

Cade oggi il 50° anniversario della Convenzione per la Protezione del Patrimonio Mondiale Culturale e Naturale, adottata dalla Conferenza Generale dell’UNESCO il 16 novembre 1972 e ratificata dall’Italia nel 1977.

 

Uno strumento normativo che nasce dall’idea che il patrimonio culturale e naturale è universale, al di là dell’appartenenza alle comunità che lo hanno prodotto e che ne sono custodi, e che la sua difesa è responsabilità dell’intero genere umano. La sua tutela, attraverso l’iscrizione dei siti alla Lista del Patrimonio Mondiale, ha come fine ultimo non solo la trasmissione del Patrimonio alle future generazioni, ma diventa strumento di dialogo tra i popoli, per la costruzione di una cultura della pace.

 

Attualmente sono iscritti alla Lista del Patrimonio Mondiale 1154 siti; l’Italia è il Paese che ne conta il maggior numero, 58, dei quali 45 culturali, 8 paesaggi culturali e 5 naturali.

 

La Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO celebra questa importante ricorrenza attraverso due iniziative.

 

La prima, la mostra “Vicino/Lontano. Viaggio alla scoperta del Patrimonio Culturale e Naturale dell’immigrazione in Italia”, in corso al Palazzo delle Esposizioni a Roma fino al 27 novembre. Segnaliamo il quarto e ultimo evento pubblico legato alla mostra, “Mali: immagini e parole”, che si terrà venerdì 18 novembre alle 18.00, presso la Biblioteca Pasolini a Roma.

 

 

La seconda, il convegno internazionale “Pasolini, l’UNESCO e la marginalità dei luoghi”, organizzato dall’Università di Bologna in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, nell’ambito delle celebrazioni per il centenario dalla nascita dello scrittore, che si terrà il 17 e 18 novembre presso il DAMSlab di Bologna, che vedrà la partecipazione del Segretario Generale della CNIU.

 

 

 

 

 

 

16 novembre 2022