AL VIA DOMANI LA CONFERENZA DELLE PARTI DELLA CONVENZIONE SULLA BIODIVERSITÀ (COP15)
Al via domani la Conferenza delle Parti della Convenzione sulla Biodiversità (COP15)

 

Dal 7 al 9 dicembre 2022 si terrà a Montreal (Canada) la quindicesima Conferenza delle Parti della Convenzione sulla Biodiversità (COP 15), sotto la presidenza della Cina, per stabilire delle linee guida per tracciare un nuovo percorso globale volto all’arresto della perdita della biodiversità, garantendone al contempo un suo uso sostenibile.

 

Le 196 Parti dovranno trovare un accordo da applicare nel prossimo decennio, una tabella di marcia che servirà per raggiungere i tre obiettivi della Convenzione: la conservazione della biodiversità, l'uso sostenibile delle sue componenti e l'equa condivisione dei benefici derivanti dall'utilizzo delle risorse genetiche.

 

L'UNESCO si impegna pienamente a sostenere i suoi Stati membri nell'attuazione del Quadro Globale per la Biodiversità post-2020 e ha ambizioni ancora più elevate nel riconoscere i molteplici valori della natura, anche in una prospettiva culturale. L’Organizzazione può contare sulle sue reti uniche di siti designati che si impegnano a tradurre le indicazioni locali, indigene e basate sulle conoscenze scientifiche in azioni concrete all'interno degli stessi territori. I siti designati dall'UNESCO si impegneranno inoltre a sottolineare la diversità dei valori associati alla vita e a riconnettere gli esseri umani con la biosfera, modificando il loro comportamento a livello individuale, ma anche promuovendo azioni collettive che diano forma all'azione pubblica.

 

Per realizzare questa riconciliazione con la natura, l'UNESCO dispone di un incredibile serbatoio di esperienza, con 257 siti naturali del Patrimonio Mondiale, 738 Riserve della Biosfera e 177 Geoparchi globali. Questo serbatoio merita di essere conosciuto meglio, perché contiene molti modelli da scoprire e duplicare.

 

 

6 dicembre 2022