Dal 21 al 23 febbraio, in presenza e online, la conferenza globale dell’UNESCO sulla regolamentazione delle piattaforme digitali

 

Internet e i social media hanno reso le società più forti, fornendo enormi opportunità di comunicazione, apprendimento e impegno. Tuttavia, le piattaforme digitali vengono anche utilizzate come veicoli per diffondere disinformazione, discorsi di odio, teorie del complotto e altri contenuti potenzialmente pericolosi per la democrazia e i diritti umani. I sistemi regolatori attuali devono ancora essere messi all’altezza di queste sfide.

 

Nello spirito della Dichiarazione di Windhoek+30 sull’Informazione come Bene Pubblico, l’UNESCO ospiterà, dal 21 al 23 febbraio 2023, una conferenza globale che metterà insieme ministri, regolatori, attori giudiziari, settore privato, Nazioni Unite, società civile, accademia, organizzazioni intergovernative e comunità tecnica di tutto il mondo per plasmare una regolamentazione delle piattaforme digitali.

 

Lo scopo è costituire un forum per consultazioni tra soggetti interessati, per sostenere la libertà di espressione e proteggere allo stesso tempo la disponibilità di informazioni accurate e credibili.

 

Chi volesse assistere online, può registrarsi qui.

 

 

Immagine: UNESCO

 

3 febbraio 2023