Due nostre buone pratiche illustrate nella Riunione delle Commissioni Nazionali per l’UNESCO dei Paesi europei

Istanbul

Si è conclusa domenica 28 aprile a Istanbul la Riunione annuale delle Commissioni Nazionali per l’UNESCO dei Paesi europei, cui ha partecipato il Vice Direttore Generale per la Priorità Africa e le Relazioni Esterne Anthony Kwaku Ohemeng-Boamah.

Per noi è stata l’occasione di presentare due buone pratiche: lo studio delle Cattedre UNESCO dedicato alla cooperazione italiana nei settori dell’educazione e della ricerca scientifica con i Paesi del continente africano e la mostra fotografica dedicata al patrimonio culturale e naturale dei Paesi da cui provengono i principali flussi migratori, da noi ideata, organizzata e finanziata. Questa mostra, dopo Roma e Bologna, sarà presentata a luglio nella sede dell’UNESCO a Parigi.

Ecco in sintesi gli altri argomenti di cui si è discusso: come incrementare il ruolo decisionale delle Commissioni Nazionali nei programmi dell’UNESCO, quale contributo esse possono dare nella lotta al razzismo e come possono sostenere la trasformazione strategica dell’UNESCO. Infine, quali contributi possono fornire per la Strategia di Medio Termine 2022-2029 e la Bozza del Programma e del Bilancio 2026-2029.

 

Immagine: E. Vicenti