EDU TALKS, evento conclusivo del programma EDU dell’Associazione Giovani per l’UNESCO – Bergamo 6 febbraio 2024

edu_page-0001

Si è svolto il 6 febbraio scorso all’Accademia Carrara di Bergamo l’evento EDU TALKS, organizzato dall’Associazione Giovani per l’UNESCO – AIGU con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, come incontro conclusivo del programma EDU svolto dai Giovani in tutta Italia per promuovere e riflettere sui programmi operativi sviluppati dall’UNESCO.
Per l’anno scolastico 2022-2023 AIGU ha dedicato EDU alla transizione ecologica e culturale rifacendosi al Piano Ministeriale RiGenerazione scuola (2022) e al New European Bauhaus, il progetto di trasformazione ambientale, sociale e culturale avviato dalla Commissione Europea nel 2021, nell’ambito dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Sostenibile. In occasione di EDU TALKS gli studenti hanno presentato i risultati dei laboratori svolti e con gli ospiti si sono confrontati sui temi di sostenibilità e rigenerazione.

All’evento ha partecipato con un video messaggio il Segretario Generale della CNIU Enrico Vicenti, che ha ricordato l’impegno dell’UNESCO verso i temi legati alla transizione ecologica e culturale, testimoniato dalla partecipazione alla COP 28 di Dubai con un’iniziativa disegnata dalla sua Green Education Partnership e dall’incontro internazionale Mondiacult di Città del Messico dello scorso anno, che ha riconosciuto la cultura come bene pubblico globale con un ruolo primario nel perseguimento dello sviluppo sostenibile dato il suo potere trasformativo.
Vicenti ha richiamato l’attenzione anche sull’educazione alla pace oggetto, insieme ai diritti umani e allo sviluppo sostenibile, della Raccomandazione approvata nel novembre scorso dalla Conferenza Generale dell’UNESCO. La Raccomandazione prende in considerazione le nuove sfide maturate negli ultimi cinquanta anni, in particolare la sostenibilità, le tecnologie digitali, l’uguaglianza di genere e la cittadinanza globale, che devono stimolare una partecipazione attiva alla costruzione della pace.
Questa Raccomandazione, ha evidenziato Vicenti, non riguarda solo le istituzioni bensì è indirizzata a tutti coloro che credono nel potere trasformativo dell’educazione per costruire società più giuste, inclusive, e sostenibili.
La Commissione Nazionale intende tradurre il testo della Raccomandazione in italiano e si propone di disseminarne i contenuti tra le giovani generazioni in collaborazione con le Cattedre UNESCO e il sistema delle Scuole Associate all’UNESCO, auspicando il coinvolgimento di AIGU.