Formazione sulla lotta al traffico illecito di beni culturali. Carabinieri – Comando per la Tutela del Patrimonio Culturale

 

 

Il traffico illecito di beni culturali rappresenta una minaccia non solo per l’integrità degli oggetti e dei siti dai quali essi provengono ma anche per il patrimonio culturale e l’identità delle comunità coinvolte.
Dal 2014 l’UNESCO, tramite il suo Ufficio Regionale per la Scienza, la Cultura e l’Educazione in Europa-BRESCE di Venezia, e l'Italia collaborano per formare i funzionari delle autorità nazionali per la cultura dei Paesi del Sud-Est Europa, con l’obiettivo di aumentare la loro consapevolezza e sviluppare le loro capacità professionali per contrastare la razzia e il traffico illecito di beni culturali, anche attraverso una cooperazione transnazionale rinforzata.
Questa collaborazione viene attuata principalmente grazie al prezioso contributo dei Carabinieri – Comando per la Tutela del Patrimonio Culturale, il cui lavoro nell’ambito del contrasto al traffico illecito di beni culturali e del loro recupero è riconosciuto come un'eccellenza a livello internazionale.