Il messaggio della Direttrice Generale dell’UNESCO, Audrey Azoulay, in occasione della Giornata Internazionale della Donna

hero-homepage_gender_04.jpg

Oggi, 8 marzo, si celebra la Giornata Internazionale della Donna.

In questa occasione Audrey Azoulay, Direttrice Generale dell’UNESCO, ha diffuso il messaggio che qui riassumiamo.

“L’uguaglianza di genere è una idea semplice, è la convinzione che uomini e donne meritano stessi diritti, opportunità e conoscenze. Eppure, nonostante questa semplicità, è un obiettivo molto difficile da raggiungere. A oggi, nessun Paese può dire di averlo raggiunto. Al ritmo attuale, saranno necessari 300 anni per riuscirci.

Nel frattempo, l’Intelligenza Artificiale sottrarrà molti più lavori alle donne che agli uomini. Questo, unito al cambiamento climatico, spingerà verso la povertà 160 milioni di donne entro il 2050.

Ecco perché l’UNESCO ha come sua priorità l’uguaglianza di genere.

Quest’anno il tema è investire nelle donne per accelerare il progresso, a partire dall’educazione.

Investiamo molto anche nel campo delle discipline scientifiche (STEM), dove emergono ancora troppe poche donne, nell’industria della creatività, in particolare in Africa,  e nel giornalismo, dove le donne spesso devono fronteggiare odio online  e non solo.

Il raggiungimento dell’emancipazione femminile resta dunque una grande sfida dell’umanità, costituendo al tempo stesso un’opportunità per realizzare il pieno potenziale dell’umanità”.

 

 

Immagine: sito UNESCO