“Il saper fare liutario tradizionale cremonese” all’UNESCO, in occasione delle Giornate europee del patrimonio 2023

 

La Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’UNESCO ha organizzato presso la sede parigina dell’Organizzazione un evento che celebra “il saper fare liutario tradizionale cremonese”, iscritto dal 5 dicembre 2012 nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità. L’iniziativa intende celebrare il ventesimo anniversario della Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale che ricorre quest’anno.

Nell’ambito dell’iniziativa anche un’esibizione del virtuoso Fabrizio von Arx, Direttore Artistico della Fondazione Casa Stradivari, presso l’Espace de méditation di Tadao Ando.

Come ha dichiarato l’Ambasciatore Liborio Stellino, Rappresentante Permanente d’Italia presso UNESCO, la manifestazione “dimostra l’importanza e l’attualità del distretto cremonese, che, legando insieme tradizione dell’arte liutaria ed esecuzione dal vivo di maestri contemporanei, dà prova di essere una filiera attiva e vivace”.

Nella capitale francese per la prima volta viene anche ospitato il famoso violino Stradivari “Il Cremonese 1715”, un prestito della città di Cremona al prestigioso Musée de la Musique che lo terrà in esposizione fino al 7 novembre. Nell’ambito di questa iniziativa di interscambio culturale, nel 2024 il Museo del Violino di Cremona ospiterà uno strumento del museo parigino, lo Stradivari Sarazate.

 

Fonte: www.delegazioneunesco.esteri.it

 

 

28 settembre 2023