In occasione della Giornata Mondiale dell’Ingegneria per lo Sviluppo Sostenibile, webinar intitolato “Realizzare un futuro dell’energia sostenibile: soluzioni innovative per un domani migliore”

webinar

In occasione della Giornata Mondiale dell’Ingegneria per lo Sviluppo Sostenibile, quest’anno dedicata al tema “Soluzioni di ingegneria per un mondo sostenibile”, il prossimo 4 marzo l’UNESCO organizza nella sua sede a Parigi un webinar intitolato “Realizzare un futuro dell’energia sostenibile: soluzioni innovative per un domani migliore”, al quale chiunque può partecipare previa registrazione .

Con l’istituzione della Giornata Mondiale dell’Ingegneria per lo Sviluppo Sostenibile, nel 2019, l’UNESCO intende aumentare la consapevolezza sul ruolo dell’ingegneria per mitigare l’impatto del cambiamento climatico e far avanzare lo sviluppo sostenibile e mira a sostenere la formazione di future generazioni di ingegneri e scienziati in grado di disegnare soluzioni per le sfide che il mondo attuale ci pone.
Nello stesso spirito l’UNESCO promuove e sostiene la presenza femminile nei settori delle scienze, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica (STEM) e partecipa alla organizzazione del WED Hackathon , in collaborazione con la World Federation of Engineering Organizations (WFEO) e Engineers Without Borders International (EWB-I). Si tratta di una competizione per studenti mirata ad aggiornare ed armonizzare le competenze degli ingegneri per affrontare le sfide dello sviluppo sostenibile, attraverso studi e progetti sui temi proposti.

Nel suo messaggio in occasione della Giornata, la Direttrice Generale dell’UNESCO Audrey Azoulay ricorda che “gli ingegneri, uomini e donne, fanno continue innovazioni per affrontare le sfide del nostro mondo. Per costruire una crescita più inclusive, sviluppare energie rinnovabili e affrontare il cambiamento climatico, per garantire un mondo più equo e sostenibile, abbiamo bisogno più che mai di questa creatività scientifica al servizio di tutti…..al fine di essere efficace, l’ingegneria deve anche essere aperta, inclusiva e collaborativa. Per questo l’UNESCO è impegnata nella riduzione delle ineguaglianze nell’ingegneria: jn termini di genere, quando solo il 28% dei laureati in ingegneria è composto da donne; ma anche in termini di geografica, specialmente nell’Africa Sub-Sahariana dove il numero di ingegneri è inferiore a tutto il resto del mondo…….Un approccio collettivo all’ingegneria sarà essenziale negli anni che verranno: tutte le nostre energie verranno assorbite per ricostruire in modo più saggio e più sostenibile e per affrontare le sfide del mondo”