L’Italia ha una nuova Riserva della Biosfera: i Colli Euganei e una nuova Riserva transfrontaliera, insieme alla Slovenia, nata dalla fusione delle due Riserve nazionali delle Alpi Giulie

Fioritura_dei_mandorli_Colli_Euganei_Italy.jpg

Il Comitato Coordinatore del Programma Man and the Biosphere (MAB) dell’UNESCO, nel corso della 36esima sessione che si è svolta dal 1 al 5 luglio ad Agadir, in Marocco, ha approvato la designazione di 11 nuove Riserve della Biosfera in 11 Paesi, tra cui, per la prima volta, Belgio e Gambia, e due riserve transfrontaliere.

Le altre nuove Riserve sono in Colombia, Repubblica Dominicana, Italia, Mongolia, Paesi Bassi, Filippine, Corea del Sud, Slovenia e Spagna. Con queste nuove riserve, che coprono una superficie totale di 37.400 km², equivalente alle dimensioni dei Paesi Bassi, la Rete Mondiale della Biosfera ora conta 759 siti in 136 Paesi.

Per quanto riguarda l’Italia, sono stati nominati i Colli Euganei e la Riserva transfrontaliera delle Alpi Giulie, tra Italia e Slovenia, derivata dalla fusione delle 2 riserve create rispettivamente nel 2019 e nel 2003.

Audrey Azoulay, Direttrice Generale dell’UNESCO, ha sottolineato che queste designazioni arrivano in un momento in cui l’umanità è “alle prese con una crisi della biodiversità e uno sconvolgimento climatico. In un momento in cui la comunità internazionale è chiamata ad aumentare il numero di aree protette, queste nuove Riserve della Biosfera svolgono un ruolo essenziale nel preservare in modo sostenibile la biodiversità, migliorare le condizioni di vita delle popolazioni locali e delle popolazioni indigene e promuovere la ricerca scientifica”, ha aggiunto.

 

Immagine:  © Ente Parco Regionale dei Colli Euganei