L’UNESCO manifesta la propria solidarietà al Marocco devastato dal terremoto

© UNESCO

 

La Direttrice Generale Audry Azoulay ha espresso il pieno sostegno dell’Organizzazione alle autorità e alla popolazione afflitte dal terremoto dell’8 settembre 2023, ricordando la lunga storia di collaborazione e amicizia tra l’UNESCO e il Marocco. Da ultimo, la Conferenza Internazionale dei Geoparchi che era in corso di svolgimento a Marrakech quando si è verificato il terremoto.

Nei giorni seguenti al terremoto un gruppo di esperti ha verificato i notevoli danni subìti sia dalla Medina di Marrakech, iscritta nella lista del Patrimonio Mondiale dal 1985, che da Ksar of Ait-Ben-Haddou, iscritto nel 1987. La Moschea di Tinmel, presente nella Tentative List, è stata quasi completamente distrutta. Il disastro ha avuto un impatto significativo anche sull’economia creativa e sul saper fare che è alla base del patrimonio intangibile del Marocco.

Anche il settore educativo ha subìto dei danni importanti, con la perdita della vita di almeno sette insegnanti e la rovina di molti istituti scolastici.

 

 

 

 

 

20 settembre 2023