Presentata ieri la nuova edizione de ”Le tombe dipinte di Tarquinia” di Adele Cecchini

20240207_174720 (1)

Si è tenuta ieri, 7 febbraio, presso la Curia Iulia a Roma la presentazione del volume ”Le tombe dipinte di Tarquinia. Vicenda conservativa, restauri, tecnica di esecuzione”, nella nuova edizione, riveduta, ampliata e corretta alla luce delle recenti scoperte, per i tipi di Nardini Editore (Firenze).

L’opera è stata presentata da Maurizio Sannibale, Musei Vaticani, con l’introduzione di Alfonsina Russo, Direttore del Parco archeologico del Colosseo, alla presenza dell’autrice, Adele Cecchini, restauratrice, Associazione “Amici delle Tombe Dipinte di Tarquinia”.

Con il supporto di inedite fonti d’archivio, l’opera presenta la storia conservativa delle tombe dipinte di Tarquinia dalla prima metà dell’Ottocento fino a oggi. Sono illustrati sia le metodologie di conservazione, sia i provvedimenti che hanno consentito di conciliare tutela e fruizione delle tombe dipinte. Vengono inoltre descritte le attuali metodologie di restauro e un nuovo studio dell’Università di Catania sulla tecnica di esecuzione, sui pigmenti e sugli strati preparatori delle pitture ipogee. Questo libro si propone come punto di rifermento per chi dovrà in futuro provvedere alla conservazione del sito e garantire che questo straordinario patrimonio culturale, iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO nel 2004, possa essere trasmesso alle generazioni future.