Primo Capacity Building nazionale per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale in Italia, organizzato dall’UNESCO e dal Ministero della Cultura

ICH in Italy PIC 1.PNG

E’ terminato il 26 gennaio 2024 il primo Capacity Building nazionale dedicato alla Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale. Il corso è stato gestito dall’UNESCO attraverso l’Ufficio Regionale per la Scienza e la Cultura in Europa (con sede a Venezia), in stretta collaborazione con l’Ufficio UNESCO del Segretariato Generale del Ministero della Cultura italiano.

Si è trattato del primo Corso di questo genere a essere organizzato a livello nazionale. Ha incluso 15 sessioni settimanali online, tenutesi dal 15 settembre 2023 al 26 gennaio 2024, con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza, le conoscenze e le competenze degli attori pertinenti, promuovendo nel contempo la creazione di reti e la cooperazione a livello nazionale.

Poiché le comunità sono al centro della salvaguardia del patrimonio culturale immateriale, il programma di sviluppo delle capacità ha adottato un approccio inclusivo per garantire la più ampia partecipazione possibile di tutte le parti interessate alla progettazione e all’attuazione delle attività di salvaguardia.

Il corso, alle cui sessioni ha partecipato anche la Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, era allineato al Programma di Sviluppo delle Capacità Globali dell’UNESCO per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale (ICH) e inquadrato all’interno delle celebrazioni del 20° anniversario della Convenzione del 2003 nell’ambito delle attività promosse dall’Osservatorio Italiano per il Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO.

“Il corso di capacity building dell’ICH per l’Italia ha permesso il supporto peer-to-peer per le sfide comuni affrontate dalle comunità partecipanti, con l’obiettivo condiviso di una migliore salvaguardia del patrimonio culturale immateriale sia a livello nazionale che internazionale” ha dichiarato Matteo Rosati, Funzionario dell’Unità Cultura dell’Ufficio UNESCO di Venezia.

 

Immagine: sito UNESCO