Terzo incontro informativo sul 3° ciclo del rapporto periodico per i siti del Patrimonio Mondiale UNESCO

Si è tenuto ieri, presso il Ministero della Cultura, il terzo incontro informativo sul 3° Ciclo del Rapporto Periodico sul Patrimonio Mondiale UNESCO, riservato ai gestori dei siti italiani.

 

Il Ciclo, che si concluderà nel 2024, sta attualmente impegnando l’Italia e gli altri Paesi dell’Europa e il Nord America e ha l’obiettivo di verificare l’applicazione della Convenzione per la Protezione del Patrimonio Mondiale Culturale e Naturale del 1972 e, nello stesso tempo, di predisporre nuove strategie di tutela e gestione sulla base dei dati raccolti.

 

Ha introdotto i lavori il Sottosegretario alla Cultura con delega all’UNESCO, Gianmarco Mazzi, che ha sottolineato il ruolo di potenza culturale dell’Italia che, con i suoi 58 siti, è il paese più rappresentato nella Lista del Patrimonio Mondiale. Accanto agli onori che derivano da tale primato, ha proseguito l’On. Mazzi, bisogna avere consapevolezza della grande responsabilità che ciò comporta nel rafforzare la nostra azione a livello internazionale per la predisposizione di strategie per la conservazione e trasmissione di questo importante asset dello sviluppo sostenibile. “Per questo motivo continueremo a sostenere l’Azione del Ministero della Cultura e della CNIU nel loro ruolo fondamentale per l’attuazione della Convenzione”, ha concluso il Sottosegretario.

 

È intervenuto il Segretario Generale della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, Enrico Vicenti, che ha messo in evidenza la coincidenza dell’incontro con la Giornata Internazionale dei Monumenti e dei Siti, istituita dall’ICOMOS e quest’anno focalizzata su “Patrimonio e cambiamento”, sottolineando il ruolo fondamentale e l’eccezionale valore politico del monitoraggio nel gestire i cambiamenti e le sfide globali che riguardano il Patrimonio.

 

A questo proposito, cliccando qui si potrà vedere la registrazione del programma della RAI TG2 Italia, ieri dedicato alla Giornata Internazionale dei Monumenti e dei Siti.

 

 

 

19 aprile 2023